No Result
View All Result
No Result
View All Result

Nike VIOLA Air Max 95 GRIGIO LUPO BLU VIOLA Nike ardesia Uomo 795509

Nike VIOLA Air Max 95 GRIGIO LUPO BLU VIOLA Nike ardesia Uomo 795509

Charlotte-Milwaukee 126-121

E’ Malik Monk che mette l’autografo sulla vittoria dei Bucks con un quarto periodo da 14 punti nel quale gli Hornets segnano 38 punti e costringono la squadra di Kidd alla seconda sconfitta consecutiva. Dopo un inizio di stagione difficile Charlotte è 5-3, nelle posizioni di vertice della Eastern Conference, e manda sette giocatori in doppia cifra. Monk ne segna 25 in 22 minuti piazzando cinque triple, il più prolifico è il solito Kemba Walker da 26 punti e 8/12 dal campo e Howard sta trovando continuità con 17 punti e 11 rimbalzi.

Milwaukee concede il 56% dall’arco e il problema è prettamente difensivo visto che le alternative in attacco non mancano. In una serata in cui Antetokounmpo ha meno smalto, 14 punti e 13 rimbalzi in 31 minuti condizionati dai falli, Middleton ne segna 43 con 7 assist ma non basta perché la gestione del finale è rivedibile nella propria metà campo.

 

Cleveland-Indiana 107-124

Forse adesso anche LBJ inizierà a preoccuparsi anche se siamo solo all’alba della stagione. I Cavs incontrano la quarta sconfitta consecutiva, terza peggiore striscia aperta dopo Atlanta e Sacramento, e soprattutto non ci sono segni di reazione. I Pacers sbancano la Quicken Loans Arena stando quasi sempre avanti nel punteggio e quando a inizio terzo periodo Cleveland rimette la testa avanti sono ancora gli ospiti a firmare la fuga con Young e Sabonis protagonisti. I padroni di casa concedono 62 punti nel secondo tempo e ne segnano 46, l’atteggiamento difensivo è censurabile e i problemi sono noti. James segna 33 punti con 11 assist, 19 e 4 rimbalzi per Rose ma panchina di nuovo inaffidabile e niente da Thompson in area. I Cavs tirano 7/31 dall’arco e concedono il 54.4% dal campo a Indiana e 16/26 dall’arco, inconcepibile sui propri ferri. L’intero quintetto in doppia cifra con 25 punti e 8 assist di Collison che fa 9/10 al tiro, 15 e 12 rimbalzi di un Sabonis dominante, 26 e 4 recuperi di Young. Qualcosa a Cleveland succederà a breve e non sarà piacevole.

Philadelphia-Atlanta 119-109

Gli Hawks non hanno paracadute per la loro discesa verticale, settima sconfitta consecutiva in una partita prima dominata dai Sixers, poi riaperta con una fiammata da 36 punti nel terzo periodo e infine smarrito con un ultimo periodo pieno di confusione offensiva. Phila si prende la vittoria sull’asse Simmons e Embiid che firma il parziale decisivo dentro l’area. Il primo sfiora la tripla doppia con 19 punti, 13 rimbalzi, 9 assist e 2 recuperi, totale è l’aggettivo che gli si addice, il secondo ne scrive 21 con 12 rimbalzi e 3 stoppate.

Panchina da 44 punti e Atlanta non ha armi per rispondere. Schroder segna 25 punti, Prince 17 con 11 rimbalzi ma sono gli unici positivi. Brutta notte al tiro per Belinelli che chiude con 8 punti, 2/11 dal campo e 1/7 dall’arco. Atlanta è già lontana dalla zona playoff che sognava.

Washington-Phoenix 116-122

Inattesa la sconfitta casalinga dei Wizards e ancora più in atteso il 4-4 di Phoenix dopo l’avvio di stagione turbolento. I Suns non solo vincono la seconda partita consecutiva, ma lo fanno scalando una partita andata in salita con un primo periodo chiuso 32-15 per la capitale. Ma quando TJ Warren va al lavoro gli ospiti lo seguono, segnano 70 punti nel secondo tempo e danno vita a un finale nel quale sono i suoi 7 punti consecutivi a scavare il 116-110 che manda in archivio il risultato. E’ una sparatoria assoluta tra lui e Beal. Entrambi segnano 40 punti, con la guardia di Washington che fa 6/12 dall’arco e l’uomo di Phoenix che aggiunge 10 rimbalzi e 16/22 dal campo.

Nell’impresa ci sono anche i 22 punti e 5 assist di Booker e una gestione del pallone che genera appena 9 perse. Alla capitale non basta un Wall da 21 punti e 3 recuperi, dentro l’area c’è il vuoto e il 10/30 dall’arco nel finale costringe la capitale alla prima sconfitta interna della stagione.

Boston-Sacramento 113-86

Nessuna difficoltà per i Celtics che vincono la sesta partita consecutiva e insieme a Orlando viaggiano in testa alla Eastern Conference. I Kings al momento sono la peggiore squadra della Nba, aggiornano a sei consecutive il tassametro delle sconfitte consecutive e la partita finisce a cavallo tra l’intervallo con Boston che trova un enorme parziale di 62-36 per mettere la freccia e andarsene. Come al solito Stevens trova sostanza da tanti uomini, Irving e Brown tra gli esterni segnano 22 punti a testa e il play garantisce anche 4 recuperi. Tatum è solido quanto silenzioso e la panchina produce 49 punti e una supremazia costante a rimbalzo. Sacramento non sa a chi dare il pallone e quando si tratta di difendere è peggio, 17 punti e 7/11 dal campo di Hield sono l’unica notizia positiva, ma è pura statistica. Il 6/20 dall’arco e gli appena 12 liberi tentati sono un indicatore più chiaro della confusione offensiva della squadra di Joerger.

Miami-Chicago 97-91

I Bulls sono avanti in un terzo periodo inguardabile e Miami si prende la partita segnando 30 punti nel finale con Dragic che segna 20 punti con 6 assist e Whiteside che riprende possesso dell’area con 13 punti e 14 rimbalzi. Manca James Johnson ma il suo omonimo segna 19 punti con tre triple dalla panchina e i Bulls si fermano al 40% dal campo e 7/28 dall’arco, problemi che nonostante la rivoluzione nel roster sono simili a quelli della scorsa stagione. Markkanen può competere per il titolo di rookie dell’anno, 25 punti e 8 rimbalzi anche se ancora scarsa selezione delle triple, in area Chicago ha un Lopez da 22 e 4 rimbalzi ma praticamente niente dal resto della rotazione.

New York-Houston 97-119

D’Antoni sceglie un teatro nel quale non è mai stato apprezzato, il Garden, per ricominciare la propria corsa e interrompere quella di New York. I Rockets lasciano sfogare i Knicks nel primo periodo e poi scappano con un parziale di 36-21 nel secondo periodo che chiude la partita. Il terzo periodo è un’altra recita da 40 punti per gli ospiti e la mela incassa 76 punti nei 24 minuti centrali che sono la chiava della serata. Hardaway Jr segna 23 punti con 4 assist e Porzingis 19 con 5 rimbalzi ma tirando 7/18. Avrete 8/27 dall’arco dei padroni di casa e 19/52 dei Rockets che fanno contento il proprio allenatore sparando da lontano ogni volta che è possibile.

Harden segna 31 punti con 9 rimbalzi, Gordon 17, Anderson 21 e Ariza 18. Insieme segnano 16 triple, più del doppio di quelle realizzate dai padroni di casa. Il solito Capela da 12 e 13 rimbalzi aggiunge profondità in area e Houston è 6-3 in stagione.

Memphis-Orlando 99-101

Sfida tra le due squadre rivelazione di questo inizio stagione e la vittoria se la prendono i Magic nel finale in volata. Gasol segna quattro punti consecutivi per il 99-97 ma è Gordon a trovare la tripla del sorpasso dall’angolo a 52 secondi dalla fine. Chalmers è il protagonista negativo con una palla persa cui seguiranno due errori, uno in entrata e uno dall’arco, e Ross segna il tiro libero che sigilla la vittoria. Memphis sfiora la vittoria anche se priva di Conley, tenuto a riposo, con Gasol che segna 22 punti e 9 rimbalzi e Evans che dalla panchina segna 32 punti con 13/20 dal campo. I Magic sfruttano i 22 punti e 8 rimbalzi di Fournier e i 19 e 7 rimbalzi di Gordon per vincere la seconda partita consecutiva.

New Orleans-Minnesota 98-104

Altra sconfitta per i Pelicans, la seconda consecutiva. I Wolves che stanno avanti quasi sempre nel punteggio ma non trovano la lucidità di chiuderla e Davis trova il canestro del 96-96 a 2:24 dalla fine. Sono due canestri di Wiggins e Butler, che poi segnerà i liberi del più sei a 8 secondi dalla sirena, a chiudere il discorso, con Holiday, Cousins e Clark che sbagliano i tiri per tenerla aperta. I 23 punti di Butler e una panchina da 50 punti compensano la notte storta di Towns, 2 punti in 22 minuti e tanti problemi di falli, con Wiggins che produce 18 punti e 6 rimbalzi ma come al solito tirando più spesso del necessario. La difesa finalmente funziona e New Orleans è tenuta sotto i 100 punti con il solito copione. Cousins ne segna 35 con 6 recuperi e 3 stoppate, Davis 24 con 10 rimbalzi, Holiday 14 e 6 assist, gli altri non pervenuti, il 25.8% dall’arco e 19 palle perse.

Denver-Toronto 129-111

I Nuggets srotolano l’intero campionario offensivo per travolgere i Raptors in una notte a senso unico. Padroni di casa che segnano 34 punti nel primo periodo, i canadesi non difendono e il divario tocca i 36 punti nel secondo tempo. Denver porta cinque uomini in doppia cifra con Murray che ne segna 24 tirando 8/10 dal campo e Jokic che è prodigioso, sfiora la tripla doppia con 16 rimbalzi, 10 assist e non la raggiunge insolitamente con appena 8 punti segnati. In area c’è Millsap a garantire fatturato, i Nuggets tirano con il 53.4% dal campo mandando a bersaglio 16 triple. Toronto vive una notte appannata con DeRozan che gioca solo 25 minuti e Powell e Ibaka insieme tirano 2/11 dal campo.

Utah-Portland 112-103 OT

Serve un supplementare per dare ai Jazz la terza vittoria consecutiva e costringere i Blazers alla seconda sconfitta di seguito. Lillard porta avanti gli ospiti 94-92 ma Gobert a 29 secondi dalla fine trova la fortunosa schiacciata del pareggio. Ancora Lillard sbaglia due triple consecutive per vincere la partita e la continuazione se la prendono i padroni di casa che segnano 18 punti e mettono la firma definitiva sulla vittoria con una tripla di Rubio a 30 secondi dalla sirena. Il play sta vivendo una primavera offensiva inedita, 30 punti con 3/6 dall’arco da affiancare ai 16 e 10 rimbalzi di Gobert e a un Mitchell che dalla panchina produce 28 punti e 6 rimbalzi giusto per confermare che coach Snyder spreme sostanza da ogni uomo della rotazione. I Jazz vincono tirando appena il 37.8% dal campo e Portland vive sui numeri di Lillard, 33 punti e 10 rimbalzi, McCollum che ne segna 16 e 10, e Nurkic da 19 e 11. Servirebbe la scintilla di un protagonista alternativo che non arriva, i Blazers tirano il 26.5 dall’arco e si trovano senza energie nell’overtime.

LA Clippers-Dallas 119-98

I Clippers riprendono confidenza con la vittoria e non hanno problemi a liquidare i Mavs dopo un primo periodo intenso ed equilibrato. Padroni di casa che scappano con un parziale di 34-19 nel secondo periodo e il vantaggio si dilata fino a 28 punti nel secondo tempo. Figlio Rivers segna 19 punti partendo in quintetto, Griffin vale 20 punti e 7 assist e Gallinari produce 14 punti, 6 rimbalzi e 4 assist mostrando progressi nelle percentuali dal campo. I Clippers tirano con il 53.2% e distribuiscono 27 assist su 41 canestri di squadra, Dallas porta l’intero quintetto in doppia cifra ma Nowitzki e Barnes difensivamente non possono reggere la forza d’urto dei lunghi di LA e dalla panchina non arriva nessun supporto. Il 39.3% dal campo e il 12/36 dall’arco confermano la difficoltà dei Mavs di giocare a ritmi alti contro squadre molto fisiche e che aumentano il numero di possessi.

Marco Bonfiglio

Link: 

NIKE x OFFWHITE C/O VIRGIL ABLOH ZOOM FLY MERCURIAL FLYKNIT WORLD CUP,NIKE Air Max Modern Essential Uomo Scarpe Scarpe da Ginnastica Scarpe Sportive Scarpe 844874101Nike Scarpe da corsa donna Lunarglide 9 sport JOGGING PER TEMPO LIBERO,Nike Da Donna lunartempo 2 Running Scarpe da ginnastica 818098 Scarpe da ginnastica shoes 502Scarpe da ginnastica Nike donna taglia UK 5G/C Scarpe da ginnastica donna di marca,TG. 38.5 EU Nike Hypervenom Phelon III AGPro Scarpe da Calcio Uomo Verde E,Nike Pegasus 89 sneaker uomo UK 10.5/EU 45.5/US 11.5 Nero Scatola Nuovo Di Zecca in,ADIDAS TUBULAR RUNNER M19648 TG eur 46 US 11.5TG. 39 Nike Donna Wmns Free RN CMTR Scarpe da Corsa Lava r5Q,Nike Wmns Free Rn Scarpe Running Donna Bianco White/Nero 35.5 EU,NIKE Scarpe da Ginnastica Running Nero Donna Tg. de 365 Scarpe Shoes Scarpe da Ginnastica Scarpe da donna,Scarpe Nike Free SB Scarpe da Ginnastica Nero Dark Grey Nero Grigio Scuro 704936 001 Sport,Nike Air Pegasus 89progettato in Maglia Uomini Tutte le taglie UK 7 11 Bianco Nuovo,Nike AIR MAX 95 Essential Cargo Kaki UK 9 EUR 44 NUOVO 749766 302,NIKE SCARPA RUNNING UOMO AIR ZOOM PEGASUS 33 ART. 831352002 SBTScarpe da ginnastica Nike ringiovanire 5/30,NUOVO SCARPE NIKE WMNS TLite XI Scarpe da Ginnastica Donna Scarpe Da Corsa Scarpe da ginnastica 616696106,A buon mercato Nike Air Vibenna Prem MainAppsNike Jordan B. Fly X Cool Grey White Uomo Basketball Shoes Scarpe da Ginnastica 910209004,Nike Air Epic Speed TR II Scarpe da corsa per Uomo Palestra FitnessNike Free Treno versatilit Uomo Scarpe Da Ginnastica Taglia Nuovo di Zecca UK 14 BS1Donna Nike Air Max 1 LIGHT ESSENTIAL 624725 001 grigio nero,Nike 844799010 Scarpe sportive Uomo Nero Nero / White 40,Wmns Classic Cortez Pelle se 902854 700 UK 5.5TG. XL Nike M NK DRY ACDMY18 SS Polo Uomo Nero/Anthracite/White XL NUOVO,NUOVO Nike Air Jordan Retro Rosso Fuoco VTaglia 7.5uk 42eu,Nike Air Max MP Ultra HTM misura UK 8.5/Eur 43 848625 401NIKE DONNA FREE RN flyknkit Scarpe Taglia 11 BIANCO NERO 831070 001Nike Lunar Tempo 2 Print Scarpe Sportive Outdoor Uomo Nero 1 42 EU,Nike Son of Force Mid Scarpe da ginnastica da donna taglia UK 5/EU 38.5, 

 

 
No Result
View All Result
Basket Coach

Superbasket.it è una testata registrata presso il Tribunale di Milano, numero 103 del 14 marzo 2017. Direttore Responsabile Giampiero Hruby

Superbasket.it è una testata registrata presso il Tribunale di Milano, numero 103 del 14 marzo 2017. Direttore Responsabile Giampiero Hruby

Per far funzionare bene le nostre piattaforme online, installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di testo chiamati "cookie" e raccogliamo dati e informazioni personali. Clicca su "Accetta" per proseguire nella navigazione oppure leggi la Cookie & Privacy Policy.
Accetta
Leggi di più
Impostazioni
Impostazioni della casella dei cookie